Le bonifiche

Lunghezza: 26 km circa

Durata: 3 ore circa

Il percorso si inserisce nell’abitato romano e medievale di Aquileia e prosegue poi fino alla laguna, con un tracciato rettilineo che entra nel territorio comunale di Terzo d’Aquileia ricalcando una vecchia strada di bonifica costruita nella seconda metà del Settecento. Il paesaggio è quello tipico delle bonifiche: una campagna livellata e geometrica, percorsa da profondi canali di sgrondo delle acque e con qualche caseggiato rurale. La produzione agricola è intensiva a mais e soia, con ampie zone a frutteti e a vigneti. Il ritorno prevede la visita della chiesa medievale di San Martino.

Dall'ufficio IAT, percorriamo un breve tratto di SR 352 (via Giulia Augusta) verso nord; all'altezza del foro prendiamo una piccola strada sterrata a sinistra e al bivio proseguiamo a destra. Arrivati al  cimitero svoltiamo a sinistra e proseguiamo ricalcando per un buon tratto il tracciato dell'antica via Annia. I segni delle numerose necropoli che sorgevano ai lati di questa strada affiorano talvolta nella campagna circostante. Poco dopo aver superato il Ponte Rosso sul fiume Terzo la strada asfaltata si interrompe; percorriamo ancora un breve tratto di strada sterrata e, a conclusione della SP 8, giriamo a destra oltrepassando il canale. Arriviamo infine all'incrocio con la SP 81. Procediamo a sinistra fino a raggiungere le foci dei fiumi Aussa e Corno. Inoltrandoci lungo l’argine si possono ammirare le migliori prospettive della laguna. Tornando indietro, seguiamo la strada principale (SP81) fino a San Martino, frazione del comune di Terzo di Aquileia; percorriamo quasi tutto il borgo e giriamo a sinistra dopo la fontana per raggiungere la parrocchiale di San Martino e ammirare i suoi affreschi di scuola giottesca.

Per il rientro ad Aquileia si può percorrere, facendo attenzione al traffico, la SR 352  (via Giulia Augusta). In futuro, si potrà utilizzare la pista ciclabile sul tracciato della vecchia ferrovia Cervignano-Grado, che la Provincia di Udine sta attualmente attrezzando.

Notizie sul territorio

Il punto informativo per questo percorso si trova alla località Ponte Rosso, così chiamata dal colore dei mattoni del ponte originario. Il fiume che scorre sotto questo ponte è il fiume Terzo, chiamato nel Medioevo Robedula, che oggi segna il confine tra il comune di Aquileia e quello di Terzo. Tutta questa zona, in origine paludosa, è stata bonificata nella seconda metà del Settecento ed è conosciuta come III Partita: le “partite